Consigli per ristrutturare la cucina in modo smart

Casa di nuova costruzione a Milano_soggiorno cucina

Ristrutturare la cucina può risultare particolarmente impegnativo, oltre che costoso. Questo perché non si tratta solo di mettere mano all’aspetto e al “look” di questo ambiente. Infatti ci sono tutta una serie di elementi importanti da tenere in considerazione, fra i quali:

  • eventuali spostamenti idraulici da considerare
  • un’intera gamma di elettrodomestici da selezionare
  • problemi di stoccaggio da risolvere

Inoltre, durante la ristrutturazione, tu e la tua famiglia avete comunque bisogno di utilizzare tutti gli ambienti della casa.

Per questo avere chiaro un progetto e un piano di esecuzione dei lavori,  è fondamentale quando si parla di ristrutturare la cucina.

Vediamo ora qualche suggerimento e consiglio smart per ripensare i tuoi spazi e trasformarli nella cucina dei tuoi sogni.

Pianifica, pianifica e pianifica come ristrutturare la cucina!

Pianificare la ristrutturazione della cucina nei minimi dettagli è fondamentale per evitare brutte sorprese. Questo perché per eseguire dei lavori in cucina è necessario coordinare diverse figure fra le quali:

  • muratori
  • idraulici
  • elettricisti
  • e mobilieri

In particolare accordare tutte queste figure professionali e far sì che lavorino insieme, in sintonia, richiede tempo e maestria. Ecco perché un buon progetto di restyling sviluppato in ogni dettaglio rappresenta un ottimo punto di partenza.

Dunque prenditi tutto il tempo necessario per pensare a come vuoi cambiare la tua cucina e per compiere tutte le verifiche del caso. Ad esempio se è possibile:

  • Spostare il lavandino
  • Eliminare il gas e il contatore per passare all’induzione
  • Aggiungere la lavastoviglie
  • Inserire del contenimento aggiuntivo

Sarebbe sicuramente auspicabile valutare il tutto insieme a dei professionisti. Questo per assicurati che ciò che desideri sia davvero realizzabile.

Studia la tua cucina attuale

Quando si tratta di ristrutturare la cucina, la prima cosa che noi dei District En Rose chiediamo ai clienti di fare è guardare davvero alla loro cucina attuale. Infatti studiare l’ambiente esistente e capire cosa piace e non piace è fondamentale per capire dove e come è possibile intervenire.

Quindi il nostro consiglio è quello di osservare bene i tuoi spazi e pensare a come vorresti cambiarli e perché:

  • ti serve più capienza?
  • sogni una cucina ad isola?
  • vorresti creare una cucina a vista sul soggiorno?

Queste riflessioni ti aiutano a tracciare una road map chiara verso l’obiettivo che desideri raggiungere.

Ristrutturare la cucina senza stravolgere

Se l’idea è quella di ristrutturare la cucina senza stravolgimenti eccessivi, un altro nostro consiglio è quello di intervenire nel modo meno invasivo. Questo si traduce nel cercare di lasciare scarichi, tubi e prese dove sono ora, senza così dover ricorrere a ristrutturazioni invadenti degli spazi.

Senza dubbio, la parte più costosa della ristrutturazione di una cucina è data dalle opere murarie, idrauliche ed elettriche. Non solo è oneroso modificare questi elementi, ma aumenta anche significativamente le probabilità di riscontrare imprevisti. Inutile dire che qualora tu volessi affrontare una ristrutturazione di questo tipo sarebbe bene affidarsi a professionisti seri e competenti.

Aumentare lo spazio in cucina

Quando scegli di mantenere gli spazi attuali, senza demolire o creare nuove pareti, potrebbe sembrare impossibile aumentare lo spazio in cucina. Ma credici, è fattibile.

Ad esempio l’utilizzo di pensili o colonne a tutta altezza (ovvero fino a soffitto), crea spazio dove riporre oggetti usati raramente. Così come le più moderne soluzioni d’arredo consentono di sfruttare al massimo gli angoli e la profondità degli armadi con elementi girevoli ad estrazione.

Sfruttare lo spazio in altezza e in profondità è la chiave di volta per aumentare lo spazio in cucina!

Scegli la luce giusta in cucina!

Anche la scelta della giusta illuminazione non solo farà sembrare la tua cucina più grande e luminosa, ma la renderà più sicura.

In cucina dovrebbero esserci due tipologie di luci differenti:

 Luci sottopensile per cucinare

Inserire le luci direttamente sotto ai pensili è la cosa migliore per illuminare il piano di lavoro.

Se si tratta di una cucina già esistente, è possibile aggiungere barre a led e contemporaneamente elementi funzionali quali:

  • prese,
  • porta rotoli
  • ganci
  • e mensole (il porta ipad per le tue ricette!)

Ad esempio questo è un sistema che noi amiamo molto: linee pulite e massima flessibilità di utilizzo.

ristrutturare la cucina

 

Viceversa, in una nuova cucina potrai pensare di inserire l’illuminazione direttamente nei pensili.

Luci diffuse per l’ambiente

Ma è bene anche pensare anche a lampade per luce diffusa in tutto l’ambiente cucina. Difatti suggeriamo l’utilizzo di un’illuminazione generale che porti luce laddove le luci dei pensili non possono arrivare. E così plafoniere da incasso, applique e spot a binario creano una corretta illuminazione generale in cucina.

In particolare faretti orientabili e le luci sospese e a binario funzionano bene su lavandini, nelle aree di preparazione e per vedere bene all’interno dei pensili.

ristrutturare la cucina

Noi di District En Rose ci occupiamo di Interior Design e di ristrutturazioni totali e parziali.

Se vuoi cambiare volto alla tua cucina ma non sai da dove cominciare contattaci, studieremo assieme un progetto davvero su misura per te e la tua famiglia.

YOUR COMMENT