Ristrutturare un loft a Milano: da dove cominciare

6 District en Rose Attico hi_tech con piscina a Milano

Il loft è una soluzione abitativa decisamente particolare. Infatti ristrutturare un loft a Milano, con i suoi spazi aperti, le grandi dimensioni e lo stile prevalentemente industrial, continua ad avere un fascino davvero unico. Di conseguenza questa tipologia di costruzione, che caratterizza la maggior parte dei loft della capitale meneghina, continua a sedurre e interessare moltissime persone.

Milano offre moltissimi loft, la maggior parte dei quali, proprio per la conversione da spazio industriale ad abitazione, necessita di un intervento di ristrutturazione con pratica edilizia.

Ma quali sono i passaggi da seguire per ristrutturare un loft? Scopriamolo subito!

1) Verificare la possibilità di cambiare la destinazione d’uso prima di ristrutturare un loft a Milano

Prima di mettersi anima e corpo nel progetto di ristrutturazione di un loft, è necessario verificare la possibilità di effettuare il cambio di destinazione d’uso.

Dunque di questo argomento ci siamo occupati in un recente approfondimento. Più in dettaglio nel nostro articolo puoi trovare tutte le informazioni su come procedere per cambiare la destinazione d’uso urbanistica e catastale di un immobile.

5 District en Rose Attico hi_tech con piscina a Milano

2) Ristrutturare un loft a Milano: i lavori richiesti per la conversione in abitazione

Una volta appurato che è possibile procedere con il cambio di destinazione d’uso, sarà necessario progettare gli spazi affinché rispondano alle normative vigenti. In questo modo è possibile trasformare il loft perché possa essere considerato la tua abitazione primaria.

Quindi le specifiche su cui è necessario focalizzarsi sono:

  • La suddivisione degli spazi e i rapporti aeroilluminanti. Ovvero il rapporto tra la superficie del pavimento e quella delle finestre. In particolare luce e ricambio d’aria devono essere sufficienti all’interno dei locali
  • i riscaldamenti e gli impianti, che solitamente nei loft non sono adeguati
  • la disposizione dei bagni che devono rispondere a specifici requisiti di legge
  • e gli impianti che devono essere a norma e idonei all’uso abitativo.

3) Ristrutturare loft a Milano e ripensare gli spazi: via libera alla creatività

Una volta superati gli aspetti burocratici e definita la base del progetto di ristrutturazione per creare spazi che rispondano elle normative, è possibile sbizzarrirsi con la scelta dei materiali e le soluzioni di arredo.

Grazie alle loro ampie dimensioni, ai soffitti alti e alle grandi finestre che solitamente possiedono, i loft lasciano moltissimo spazio alla creatività e alla progettazione di luoghi open space. In particolare è possibile creare spazi fluidi e senza soluzione di continuità.

Laddove l’altezza dell’edificio lo consenta, una delle scelte strutturali che va per la maggiore è quella di creare un soppalco, per sperare la zona notte dalla zona giorno.

Ristrutturare loft a Milano 3

4) Lo stile del loft

Spesso per sua natura, il loft è uno spazio dallo stile industriale che presenta caratteristiche ben precise. Ad esempio alcune di queste sono:

  • mattoni e cemento armato,
  • elementi in acciaio come travi,
  • strutture portanti e tubazioni a vista.

La scelta del preservare o meno lo stile industrial del loft resta a discrezione del proprietario, ma il nostro consiglio è quello di mantenere, almeno in parte, questa alternanza tra l’anima industriale e l’atmosfera di casa da conferire agli spazi. Quindi è possibile accostare materiali come legno e acciaio, oppure legno e pietra, per ottenere una piacevole alternanza di sensazioni, un mix tra calore e modernità e creare una perfetta ambientazione contemporanea.

Ristrutturare loft a Milano 3

5) Come arredare un loft

Il capitolo arredamento di un loft è quel che più lascia spazio alla fantasia. Difatti un loft si presta davvero a svariatissime soluzioni e ingombri importanti. Dalle grandi sculture a quadri e divani oversize, che occupano un’intera parete, illuminazioni scenografiche fino a piante di grandi dimensioni e banconi da bar!

Il nostro consiglio è quello di individuare mobili e oggetti dalla doppia funzione, ovvero che abbiano anche la capacità di creare delle piccole divisioni negli ambienti.

Alcuni esempi? Librerie e complementi di arredo che, oltre a svolgere la propria funzione, possano anche separare gli spazi. O ancora l’inserimento di elementi particolari, come il sopra citato bancone da bar o un’isola super attrezzata con tanto di piano snack e sgabelli. Insomma tutti elementi utili che possono separare la cucina dal soggiorno, pur mantenendo continuità tra i due ambienti.

Hai bisogno di aiuto per ristrutturare un loft a Milano? Con il nostro servizio di consulenze di interior design possiamo aiutarti a capire come procedere sia per le pratiche burocratiche che per la progettazione del loft! Le nostre consulenze sono anche online, contattaci.

YOUR COMMENT